venerdì 23 gennaio 2009

Il motore della democrazia




Ho notato che nelle nostre democrazie capitaliste avviene un fenomeno strano: quando un paese o un comune sono sull'orlo del fallimento o già falliti ci mettono al governo un comunista o un nero come è avvenuto in America. Chi avrebbe immaginato un nero alla casa Bianca? In Italia quando governa la destra la crescita scende fino allo 0; poi subentra la sinistra e la crescita risale verso l'1 e 2% giusto in tempo per far rientrare la desta. Nel comune di Taranto l'amministrazione di centrodestra ha dilapidato tutto lasciando un debito di €900milioni per poi affidare il compito di rimettere in sesto il comune ad un sindaco comunista: Ippazio Stefanò.
E' il motore della democrazia, il meccanismo dello stantuffo o del pistone e del cilindro. Il pistone destro sale, entra nel cilindro, dilapida tutto, avviene la combustione e lascia il moto all'altro pistone che risale e non appena rimette a posto le cose lascia nuovamente il passo all'altro pistone.Il problema qual'è? Che noi facciamo sempre la parte del cilindro.

Oggi ho fatto quest'altro video... commento che spargerò sui vari blog, in primis quello di Grillo. Bene, che dire, sono ripartito? Vado bene, vado male? Non si sa... continuerò ad andare.

1 commento:

Paolo ha detto...

Ue' filosofo naturale, ti lascio il link del mio blog così mi scrivi una riflessione naturale che scaturisca naturalmente dalla tua corteccia cerebrale degna dei migliori genii naturali della storia !... ;)

A proposito, dammi il tuo numero di tel, così ti chiamo e andiamo a Taranto a fare qualche torneo dei prosciutti (oggi [sabato 24] volevo chiamarti, ma non sapevo che numero fare...)

La mia email è ezgovius@yahoo.it

ciao !

Paolo Toma