mercoledì 29 aprile 2009

Berlusconi è un maiale




In sintesi è quello che ha voluto dire la moglie dell'"imperatore" nell'articolo di
Repubblica.it Riporto alcune dichiarazioni di Veronica Lario sul marito donnaiolo:

commentando la partecipazione del presidente del Consiglio alla festa di compleanno di una ragazza napoletana, Veronica Lario manifesta uno stupore che è una stilettata: "Che cosa ne penso? La cosa ha sorpreso molto anche me, anche perché non è mai venuto a nessun diciottesimo compleanno dei suoi figli pur essendo stato invitato".

Non pronuncia le parole "mio marito". Mai. Una scelta precisa dietro alla quale c'è una nuova rottura. Una bufera davvero inattesa.

Poi aveva aggiunto: "Mio marito insegue lo spirito di Napoleone, non quello del dittatore. Il vero pericolo è che in questo paese la dittatura arrivi dopo di lui, se muore la politica come temo stia succedendo". [...]"Io faccio soltanto la nonna, seguo Alessandro (magnio?), il bimbo di Barbara e devo riconoscere che anche mio marito si è innamorato di lui. Trascorre ore a farlo giocare, spesso anche da solo".

Aveva ribadito che le voci di divorzio erano infondate, ripetendo ciò che aveva spiegato un anno prima: "Potrei dire che ci sto pensando da dieci anni e che sono lenta a prendere le decisioni. Non avere compiuto questo passo ha dato risultati molto positivi per i miei figli. Ora sono serena, non ho pensieri di questo tipo. Voglio stare fuori da tutto e non fare nessun tipo di dichiarazioni".

"Con difficoltà vinco la riservatezza che ha contraddistinto il mio modo di essere nel corso dei 27 anni trascorsi accanto a un uomo pubblico, imprenditore prima e politico illustre poi, qual è mio marito. Ho affrontato gli inevitabili contrasti e i momenti più dolorosi che un lungo rapporto coniugale comporta con rispetto e discrezione. Ora scrivo per esprimere la mia reazione alle affermazioni svolte da mio marito nel corso della cena di gala che ha seguito la consegna dei Telegatti, dove, rivolgendosi ad alcune delle signore presenti si è lasciato andare a considerazioni per me inaccettabili".

Una festa, una donna. Mara Carfagna. Veronica Lario continuava così: "Sono affermazioni che interpreto come lesive della mia dignità, affermazioni che per l'età, il ruolo politico e sociale, il contesto familiare (due figli da un primo matrimonio e tre figli dal secondo) della persona da cui provengono, non possono essere ridotte a scherzose esternazioni. A mio marito e all'uomo pubblico chiedo quindi pubbliche scuse, non avendone ricevute privatamente". E ancora: "Ho sempre considerato le conseguenze che le mie eventuali prese di posizione avrebbero potuto generare a carico di mio marito nella sue dimensione extra familiare e le ricadute che avrebbero potuto esserci sui miei figli.

Questa linea di condotta incontra un unico limite, la mia dignità di donna che deve costituire anche un esempio per i propri figli, diverso in ragione della loro età e del loro sesso. Oggi nei confronti delle mie figlie femmine, ormai adulte, l'esempio di donna capace di tutelare la propria dignità nei rapporti con gli uomini assume un'importanza particolarmente pregnante, almeno quanto l'esempio di madre capace di amore materno che mi dicono rappresento per loro".

Inoltre ha definito 'Ciarpame senza pudore' le "femmine" candidate nel Pdl.

Ecco alcuni commenti allucinanti all'articolo di Repubblcia.it:


tolto il fatto che la Sig.ra Veronica non fa altro che difendere le donne che a quanto ho capito per lei non sono sole le donne belle a primireggiare ma anche le donne non belle ma che hanno cervello, come tra l'altro dovrebbe essere tra i maschietti, una considerazione in tal caso è il fatto che Berlusconi nonostante aabbia superato la settantina, si è fattoi impiantare i capelli, dimostrazione questa: del dovere apparire. Poi la risposta stizzosa che da alla sua Signora è veramente imbarazzante, si arrampica sugli specchi che;: la politica italiana manda a Strasburgo vecchi politici in pensione che oramai in Italia non contano niente. Ora pero' dovrebbe spiegarci perchè lui si è candidato per tutte le circoscrizioni europee e perchè da una indagine pubblicata qualche tempo fa gli assenteisti al parlamento europeo sono proprio quelli della CDL che sono in testa, tra cui il Leghista Bossi. E' vero che la senilità fa brutti scherzi alla memoria.

Inviato da pagius il 29 aprile 2009 alle 12:28


Tutto fa brodo per allontanare la mente degli italioti dai veri problemi. Mandiamogli il camper di Stranamore.

Inviato da elleroponto il 29 aprile 2009 alle 12:24

0

problemi matrimoniali in casa berlusconi?!?!?! Chissenefrega!!! sono cose che capitano nella stragrande maggioranza delle famiglie italiane, ma siccome anche questo porta voti... eccovi accontentati!!! spettacolarizzare tutto, questo è il moto di berlusconi, tanto sono in tanti che di queste sue carnevalate sono entusiasti e lo votano.... all'estero una volta ci chiamavano pizza, spaghetti, mafia... adesso ci chiamano berlusconi, e tutti si sganasciano dalle risate in un misto di pietà e disprezzo... COME SIAMO CADUTI IN BASSO!!!... continuate a votarlo...

Inviato da virgilio98 il 29 aprile 2009 alle 12:24



Oltretutto, Berlusconi sa benissimo che potrebbe candidare anche Topogigio o JeegRobot perchè, è spiacevole dirlo ma va ammesso, ma all'italiano medio delle elezioni europee non interessa poi tanto, lo sento dai discorsi che si fanno anche della mie parti (zona Firenze-Prato) che non per vantarmene sono tra le più politicamente impegnate...il Parlamento Europeo è visto solo come un impotente carrozzone per posteggiare trombati, amici, amichette, parenti e vippume vario...salvo poi lamentarsi quando l'Italia non riceve finanziamenti, la Commissione non approva qualche opera pubblica o qualche euroburocrate mette a rischio qualche specialità regionale (vedi il lardo di Colonnata) e nessuno si muove e ci si sorprende se l'Italia, paese fondatore dell'allora MEC e terzo stato per abitanti, conta meno di Malta (alcuni fatti recenti lo dimostrano) o della Lettonia (per non parlare della Germania o persino dell'eterna scettica Inghilterra)

Inviato da concino il 29 aprile 2009 alle 12:24


Falsità?Intanto alla festa della 18enne napoletana Berlusconi c'è stato davvero; ma questi sono tristi problemi familiari che poco hanno a che fare con la politica. L'impresentabilità dei candidati del pdl berlusconiano è semmai il riflesso della stessa impresentabilità del loro leader; si pensi alla Banca Rasini, al Lodo Mondadori, al processo di David Mills, ecc.

Inviato da bpanofsky il 29 aprile 2009 alle 12:24


Questo signore crede di essere irresistibile. Non capisce che il fascino suo sono i soldi. Ha bisogno di ostentare le donne che compra con soldi o con favori. siccome li candida in parlamento, il conto lo passa a noi. Ha bisogno di ostentare tutto: soldi, potenza e anche l fascino che non ha. Se qualche mago dicesse a lui: Vuoi avere un milione e che lo sappiano tutti che ce l'hai, oppure un miliardo e che nessuno lo sappia? Lui, siatene certi , opterebbe per il milione.

Inviato da cronus il 29 aprile 2009 alle 12:24


Al fine di capire la censura mediatica che vige in questo paese consiglio di leggere gli articoli su questa vicenda nei siti web de "Il Giornale", "Libero" e, purtroppo, anche su quello della RAI. Soprattutto nel primo caso noterete che le dichiarazioni sono completamente stravolte e che non vi è traccia della "notte napoletana". Inoltre i lettori che lasciano i commenti su tali siti, oltre agli orrori di ortografia, non dispongono (per ignoranza o pigrizia) minimamente di strumenti alternativi per poter approfondire la veridicità di quel che leggono. Seguono ciecamente la verità imposta loro.

Inviato da tademp il 29 aprile 2009 alle 12:16

x leoneviola : forse faresti bene a rileggerti quanto ho scritto in precedenza perchè hai preso una cantonata bestiale. Su una cosa hai ragione, questo regime non cadrà, proprio perchè ha abituato tutti a guardare le cose con superficialità senza mai davvero comprendere la portata delle cose. Se tutti i media ossequano il premier nel modo evidente e spudorato senza che in italia vi sia alcuna voce contraria (ma per fortuna qualcuna invero c'è), forse uno dei motivi è che costoro si aspettano di poter raccogliere le briciole che restano dalla tavola imbandita del governo. Non ho mai ammirato Andreotti, ma credo che una delle poche cose vere che abbia detto sia proprio negli anni 92/93 quando dopo mani pulite scese in campo il cavaliere mascarato: "Questi non lasceranno nemmeno le briciole e ci sarà la fila alla porta per accreditarsi con ogni mezzo ai nuovi potentati".

Inviato da baldino64 il 29 aprile 2009 alle 12:13

di Berlusconi si potrà dire tutto il male possibile ma non che è bravissimo ad interpretare l'animo dell'italiano medio. Se candida veline, attricette e tronisti non lo fa per caso: chi lavora nel mondo della scuola o a che fare con i giovani a vario titolo (io alleno una piccola squadra di calcio) sa benissimo che la massima aspirazione dei giovani è oggi fare il calciatore o la velina ("guadagnano tantissimo, si divertono, sono famosi, conoscono tutti i vip e si portano a letto le più belle ****" mi è stato risposto un giorno). Cosa aspettarsi in un paese dove si discute, ci si divide e si finiscono i crediti telefonici per i televoti su gente che ha il solito merito di cantare male ma di essere tanto carina, di fare a botte in una fattoria o di fare sesso o di mostrare le pudenda in pubblico nella casa del grande fratello?

Inviato da concino il 29 aprile 2009 alle 12:13

Signora Veronica, le esprimo tutta la mia solidarietà. Però credo che lei sapesse che tipo di persona era suo marito quando lo sposò, forse con il passare degli anni certi difetti si saranno pure accentuati, ma un farfallone lo era anche all'ora. Del resto il comportamento che tiene verso di lei e della famiglia è lo stesso che ha con gli Italiani: fa quello che deve fare e conviene "solo per se", presenzia in tutte le situazioni che gli capitano, anche le più drammatiche (vedi Abruzzo) solo per apparire, pavoneggiarsi e atteggiarsi a bravo statista. Insomma la serietà e la responsabilità verso gli altri, lui non sa cosa sia. Purtroppo una parte degli Italiani, come lei, hanno fatto lo sbaglio di "sposarlo". Lei se ne è accorta già da tempo, però non ha ancora deciso cosa fare, quelli che votano PDL, non se ne sono ancora accorti. Speriamo lo facciano presto.

Inviato da carlino46 il 29 aprile 2009 alle 12:03


l'unico personaggio che ha il coraggio di dire la verità e di farsi sentire, è la moglie del padrone. La Rai e l'opposizione se c'è, battano un colpo.

Inviato da norimbergo il 29 aprile 2009 alle 11:56

Ma come lo spettacolo del bagaglino l'hanno cassato qua e vuole portarlo in europa? Questa è la considerazione che il presidente del consiglio ha dell'unione europea purtroppo!

Inviato da lxl il 29 aprile 2009 alle 11:46

Gradirei, su questa squallida farsa, un autorevole commento da parte del Vaticano e dell'Osservatore Romano, grazie.

Inviato da treso il 29 aprile 2009 alle 11:46


Eccolo qui!. finalmente!! mi chiedevo quando sarebbe uscito l'immancabile annuncuio di manipolazioni mediatiche di sinistra.... ed è arrivato: Berlusconi: Veronica manipolata dalla stampa di sinistra h.11.38 Beh.... questo conferma che la stampa italiana è di sinistra ed inattendibile.... oppure che altro? Ridiamo signori... perchè altrimenti sarebbe peggio..molto peggio.

Inviato da baldino64 il 29 aprile 2009 alle 11:39


ha sposato una comunista e non lo sapeva!

Inviato da flaviok10 il 29 aprile 2009 alle 11:36


"Berlusconi: Veronica manipolata dalla stampa di sinistra", in pratica le ha dato anche della deficiente. Povera Veronica ma soprattutto povera Italia

Inviato da francaxe01 il 29 aprile 2009 alle 11:36



I suoi dipendenti (deputati e senatori, consiglieri regionali, provinciali e comunali, giornalisti di mediaset, avvocati e ballerine) lo adorano, senza di lui dopotutto sarebbero probabilmente in contratti co.co.co., pensate solo alle ballerine candidate alle Europee o ad alcuni ministri di questo governo... gli italiani lo conoscono tramite l'immagine distorta che le sue televisioni danno di lui... ma chi lo conosce da vicino lo evita...

Inviato da fabri73 il 29 aprile 2009 alle 11:35

Che Veronica riesca nel'impresa che tutti sogniamo?? L'uscita della moglie del premier è la conferma della bassezza morale e culturale di quest'uomo, costruitosi un impero come che sappiamo e che poi ha utilizzato x prendere il potere. Ma di politica non sa nulla, dietro lui c'è un vero politico, Letta, senza il quale sarebbe finito. La sua capacità di convincimento è purtroppo legata al fatto, grave, che tanta gente si identifica in lui. D'altra parte un uomo pubblico offende due volte la dignità di sua moglie, essendo le sue uscite e la sua nota devozione per le belle donne di dominio pubblico. Io, fossi stata in lei, lo avrei cacciato di casa già dalla famosa foto in Sardegna con le 5 ragazze sulle sue ginocchia(alcune stranamente camdidate..). Che vergogna. E ci rappresenta. Torni a fare l'imprenditore, e lasci la politica ai politici. A ognuno il suo mestiere. E non dimentichi che senza , nel bene e nel male, non era nessuno: Solo il proprietario di 3 reti tv (oggi 6..).

Inviato da salvo20 il 29 aprile 2009 alle 11:35


io credo che quelli che hanno commentato dicendo che : 1) "Le donne brutte non ci devono stare in politica, meglio le fighe" 2) "veronica lario è un soprammobile, quindi deve stare zitta" oltre ad essere dei maschilisti all'ultinmo stadio, sono probabilmente dei cornuti, dato che gli uomini così sono fatti per avere due appendici sulla testa tipo alce. consiglio solo macchine decappottabili, che fanno pure più elettore pdl

Inviato da grandavide il 29 aprile 2009 alle 11:28


Mi chiedo quale fu la motivazione che fece decidere alla signora di sposare quel che ritiene un uomo tanto "ignobile"...(domanda retorica)...ah,ah...ridiamo per non piangere!

Inviato da giaferrante il 29 aprile 2009 alle 11:28


Lui non mi preoccupa, è un povero disgraziato con delirio di onnipotenza, e nemmeno i suoi lacchè, quelli almeno hanno il tornaconto; a preoccuparmi davvero sono gli italiani che lo votano e ancor più la Chiesa Cattolica che lo sostiene.

Inviato da giancarlosv il 29 aprile 2009 alle 11:28


In che mani siamo capitati.Cosa possono attingere i giovani da quest'uomo.Quale insegnamento morale può dare loro.Berlusconi è una rovina da tutti i punti di vista sia politico che morale e noi tutti,come fu con il fascismo,pagheremo cara questa scelta.Da Veronica possiamo imparare tante cose belle ma soprattutto sono quelle persone che ti danno la speranza che l'essere umano non è bestialità.

Inviato da 10021951 il 29 aprile 2009 alle 11:18


Signora Lario, ma che cosa ci fa una donna bella, intelligente e con le palle come Lei con quella caricatura?

Inviato da cesca63 il 29 aprile 2009 alle 11:18


Beh per il tipo di consenso che ha il cavaliere gli costerà più l'uscita della moglie che il caso Mills censurato come al solito. E qui si sente tutta la mancanza dell'opposizione. Che se facesse il suo mestiere dovrebbe chiedere conto come fanno Berlusconi e la destra dichiararsi paladini della famiglia. Come può la chiesa lasciare la rappresentanza dei cattolici, appiattendosi sul governo, ad uno senza alcuna morale nè pubblica nè privata. E non si dica che sono questione private. Sono pubbliche e Clinton in USA fu linciato per un fatto, quello si davvero, privato. Toccano la democraiza, perchè a questo punto quello non è un premier ma un imperatore da basso impero, che nomina senatori, il suo cavallo, il suo maggiordomo, le amanti..cosi come gli gira. Comunque vado almeno ci sarà da divertirsi anche se ancora una volta all'estero ci rideranno addosso.

Inviato da pummarulella il 29 aprile 2009 alle 11:09



E' stata molto coraggiosa la signora Lario, denunciare il marito su comportamenti privati (noti a tutti ma mai detti..) mette alla luce l'uomo primancora del politico. Mettendoci nei suoi panni non deve essere stato facile scegliere di esternare certe cose, e l'aria che circola in casa non deve essere leggera. Credo che il legame tra vita privata e immagine pubblica abbia un senso. La figura che si è creata Berlusconi è costruita per i Media, la realtà è ben diversa... Il problema si gira dalla parte degli Italiani, che si sono fatti convincere dalle bugie di questo signore, che è stato capace di aver sfruttato la propria famiglia per la propria immagine . Pensiamo che Clinton per molto meno stava rischiando di doversi dimettere qualche anno fa....

Inviato da leoneviola il 29 aprile 2009 alle 11:08


Ha perfettamente ragione Veronica Lario, le sue parole descrivono una situazione preoccupante. Mandiamo a rappresentare gli interessi italiani delle veline senza arte ne parte e poi ci meravigliamo se i prodotti italiani non vengono difesi all'interno della comunità. Quindi riusciasmo a danneggiarci due volte. Nonostante tuutto, la maggioranza degli italiani premia berlusconi. Non cè peggior cieco di chi non vuol vedere

Inviato da doppiavela il 29 aprile 2009 alle 11:08



La sig.ra Bartolini Miriam in arte Berlusconi Lario Veronica, ex attricetta di serie B, già indimenticabile interprete della famosa commedia "Il magnifico cornuto" di Enrico Maria Salerno (fonte: Wikipedia), si lamenta si lamenta.... poi chissà perchè alla fine il marito non lo lascia manco scannata, come direbbe Jake dei Blues Brothers!!! Dove ha la dignità questa signora? Certo, da una che intrecciò una relazione clandestina con il Berlusca causandone il divorzio dalla prima moglie (fonte: Wikipedia), non ci si aspetterebbe certo una lezione di morale. Che faccia come tutte le donne di questo mondo: se non ama più suo marito, se non lo rispetta più, che lo lasci... oppure per piacere continui a fare il soprammobile e a spendere i soldoni del consorte perchè, come si suol dire, se sta zitta fa più bella figura.

Inviato da giannibert il 29 aprile 2009 alle 11:08

Che pena! Una nazione nella quale l'unica a poter dire liberamente quello che pensa è la moglie del capo!

Inviato da enzorizza il 29 aprile 2009 alle 11:01

E' da ieri sera che continuo a chiedermi perchè tutta questa enfasi per le parole della Signora Lario ed invece niente titoloni per l'affare Mills..... ma solo trafiletti piccoli piccoli, ed edulcorati da ogni parola in qualche modo coinvolgente rispetto al caso. Se un Signore qualunque commette un reato sempre pronti a sbatterlo in prima pagina se il Signore in questione non è uno qualunque....... allora tutti pronti ad evitare il tema. Spero solo che la Signora B. stia suggerendo una via, una strada..... anche Al Capone non fu arrestato per quello che era ma per evasione fiscale.....

Inviato da baldino64 il 29 aprile 2009 alle 10:48

Siamo passati dal piccolo appartamento + boutique per mantenerle al posto istituzionale elettivo.Con notevole risparmio per chi pratica la soluzione.

Inviato da piergiuseppe il 29 aprile 2009 alle 10:42

BENPENSANTI , TRADIZIONALISTI , CONSERVATORI , vi state piano piano rendendo conto chi avete , attraverso il vostro consenso , mandato al potere ? Anche voi i siete i responsabili del degrado morale in cui versiamo , non potete continuamente girare lo sguardo e riaddormentarvi come se il fare privato del P.d.C. non interessasse a nessuno . La situazione privata del Premier mi ricorda vagamente il caso Clinton sebbene differenti fra di loro in quanto la Signora Clinton non ha mai attaccato il marito in pubblico e questo ha sicuramente giovato al marito soprattutto in quelle frange tradizionaliste della societa´le quali pensano che la donna debba avere la forza di perdonare in quanto donna , cosa che alla fine ha salvato il matrimonio e non solo . Nel caso del Premier la situazione e´molto diversa , qui ce´una consorte che pubblicamente ed in diverse occasioni ha attaccato il proprio marito lamentandosi di una conduzione di vita irrispettosa ed immorale .

Inviato da observer1 il 29 aprile 2009 alle 10:23


Questa è la risposta a tutti quei "soloni" cristiani che dicono che il premier e tutto il pdl sono per la famiglia! Ma se questo, sentendo le parole di Veronica, non se ne fotte niente dei suoi figli?Vorrei sentire qualcosa dal Vaticano in merito.

Inviato da lu60 il 29 aprile 2009 alle 10:10



Ennesima pagliacciata, s.b. sgamato dalla moglie ad andare con le ragazzine, alza la voce per reclamare un'altra villa, un diamante nuovo, una pelliccia. Sta gente è fatta così. Gli italiani che lo votano...povera gente

Inviato da morfeo03 il 29 aprile 2009 alle 10:10

E comunque, anche per la festicciola, lasci correre. Non ci è andato spontaneamente, si informi. Le pare che un uomo come lui poteva abbassarsi a frequentare certi quartieri di certa Napoli per suo piacere personale? Signora mia, la politica è un brutto mestiere, fa stringere tante mani, fa prendere tanti voti, ma poi si deve pagare. Non si confonda, signora, faccia come si fa in Sicilia, di fronte a certe riunioni: "Nulla vidi, nulla saccio..." E' più sicuro. Soprattutto se alle riunioni in questione partecipano certi "Papini", i cui reciproci rapporti è salutare non approfondire. Mi capisti, Vero'?

Inviato da scoglio01 il 29 aprile 2009 alle 09:58

Piu che come Napoleone, direi che Berlusconi e come Caligola, che fece senatore il suo cavallo!

Inviato da offinso il 29 aprile 2009 alle 09:42

Siamo alla paranoia Tutta pubblicità Se anche Veronica decidesse di Lasciare il premier a lui non gliene importerebbe un fico secco. Domani ricomincia da capo con un altra Tanto con i soldi si può comprare tutto !! Questo è lo schema che fino adesso ha funzionato E sempre domani oltre il 50% degli italiani lo approverebbe, perchè così si fà, così fanno gli uomini con gli "attributi", così fanno gli uomini di successo !! Povera Italia dove sei finita.

Inviato da lurecat il 29 aprile 2009 alle 09:42


Veronica Lario critica Berlusconi ma come il ciarpame che effettivamente esiste nelle liste PDL anche lei approfitta del denaro e dello status di moglie "dell'imperatore". Mi sembra che in pieno stile italo-ipocrita, neanche lei voglia perdere i vantaggi di essere la moglie di Berlusconi.

Inviato da lukebrux il 29 aprile 2009 alle 09:28

Lenta la signora Berlusconi. Ma dietro la lentezza delle sue reazioni c'é probabilmente anche un certo imbarazzo. Un uomo che alla sua veneranda etá corre dietro alle veline, l'avrá mica sposata per opposte ragioni, per la sua intelligenza, per la sua maturità? Sono conti che si pagano, quando si sposa il Potere: o pensava di cambiarlo a colpi di filosofia?

Inviato da nicrai il 29 aprile 2009 alle 09:28

Nessun commento: